MINDFULNESS PER GIOVANI ADULTI

MINDFULNESS PER GIOVANI ADULTI

23 Gennaio 2020 2 di Roberto Torresi

Dal 12 Febbraio 2020 inizierà il nuovo programma basato sulla Meditazione di Consapevolezza riservato a partecipanti con un’età compresa tra 18 e 30 anni. Grazie alla presenza mentale, allenata durante le 8 settimane di durata del corso, si apprenderà a scegliere e comportarsi per essere più attenti, più resilienti, meno distratti, meno condizionati e, quindi, liberi e autentici.

PRATICARE LA GENTILEZZA (con se stessi e con gli altri)

Praticare la gentilezza? Ma quale gentilezza?!? Io devo imparare ad essere sgarbata e scortese, sono TROPPO gentile con gli altri, tanto che finiscono per approfittarsi di me! РQuesta ̬ la reazione che recentemente ho ricevuto alla mia proposta di partecipare al corso per la riduzione dello stress mediante la Mindfulness, il cui nome ̬ riportato nel titolo di questo messaggio.

Siamo così abituati, dalle regole del comportamento sociale, a riservare atteggiamenti gentili agli altri da dimenticarci di esserlo con noi stessi, come recita il sottotitolo del corso (con se stessi e con gli altri).

Solo se ci regaliamo la premura, la benevolenza e l’amorevolezza possiamo successivamente esserlo in maniera schietta con i nostri interlocutori, chiedendo il reciproco atteggiamento. In questo modo la gentilezza praticata con la presenza mentale può aiutarci a vivere meglio. 

Jon Kabat-Zinn, ideatore del programma MBSR (Mindfulness-Based Stress Reduction), definisce la Mindfulness come la consapevolezza che emerge quando prestiamo attenzione intenzionalmente, momento per momento, alla nostra esperienza presente, senza giudizio e con un atteggiamento di apertura, curiosità, accettazione.

La mente infatti, se lasciata a se stessa e non coltivata, reagisce volubilmente a qualsiasi stimolo la colpisca, sballottata da un pensiero all’altro, da una emozione all’altra, da un conflitto all’altro e trascinata da desideri continui.

I nostri stessi comportamenti a volte tradiscono uno stato di non presenza, come quando facciamo le cose distrattamente, con la mente altrove, come se avessimo il pilota automatico inserito, oppure agiamo d’impulso come diretta reazione ad una provocazione esterna, ma senza che il comportamento in sé rispecchi veramente noi stessi e ciò che avremmo desiderato fare assecondando i nostri valori.

Fermarci ogni tanto, fare silenzio, meditare vuol dire uscire dalla modalità del fare, ovvero dal reagire automatico agli stimoli, ed entrare nella modalità dell’essere, dove dimoriamo saldamente nel momento presente, permettendo che la consapevolezza e l’attenzione si orientino verso l’esplorazione interiore della natura delle sensazioni fisiche, emotive e cognitive che si rivelano momento per momento.

La Mindfulness può insegnarci così un modo nuovo di rapportarci alle esperienze della vita che riduce la nostra sofferenza, modifica il modo in cui rispondiamo alle difficoltà e prepara il terreno per una trasformazione personale positiva. Il che in definitiva ci rende anche più liberi di fare scelte di valore e in cui crediamo, perché meno portati a reagire automaticamente alle situazioni e anche a lasciarci trascinare dal vortice delle attività quotidiane che ci allontana dall’ascolto di ciò che sentiamo e rischia di allontanarci da ciò che realmente vogliamo e che ha valore per noi.

Al prossimo corso che realizzerò presso il mio studio a Roma, in Via Palestro 3, potranno iscriversi otto giovani adulti con un’età compresa tra i 18 ed i 30 anni. Il costo per ogni partecipante è di 300€.

La proposta è strutturata in 8 incontri di gruppo settimanali (il Mercoledì), di due ore e mezzo ciascuno, più un incontro intensivo (di Domenica), tra il sesto ed il settimo, di 8 ore, come indicato di seguito.

Il corso insegna a riconoscere le fonti dello stress e a rispondere agli stimoli anziché evitarli o reagire impulsivamente e automaticamente. Diminuire la reattività ed i rimuginamenti mentali diventa un mezzo per prendersi cura di sé, esplorando e comprendendo l’interazione tra mente e corpo e mobilitando le risorse interiori per far fronte agli eventi critici, crescere e prendersi cura di se stessi. 

Praticare la gentilezza permette di sviluppare un modo di porsi in relazione alle personali esperienze di vita con un approccio di benevolenza e di compassione verso la dimensione umana, pertanto imperfetta, che ci caratterizza, divenendo più liberi dai condizionamenti del giudizio, protagonisti nello scegliere il benessere personale e sviluppare un maggiore stato di serenità e autenticità, rispetto agli schemi mentali e alle abitudini nocive.

Questo protocollo è utilizzato per quei problemi fisici riferibili a condizioni di stress che possono produrre disturbi del sonno, digestivi e dermatologici, per dolori cronici, malattie cardiovascolari, ipertensione e cefalea. Trova applicazione anche in disagi psichici come ansia, depressione, disturbi alimentari e attacchi di panico. Gli effetti benefici delle pratiche di consapevolezza sono riscontrati sul piano neuroscientifico dalle ricerche svolte grazie alla risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Le attività che vengono praticate durante il training hanno carattere soprattutto di tipo esperienziale, vengono inoltre fornite spiegazioni utili a favorire la conoscenza scientifica dei correlati mentali degli eventi dolorosi vissuti. Per questo motivo i partecipanti sono chiamati a una presenza e a un contributo attivo, non sono depositari di apprendimenti statici o auditori passivi, piuttosto sperimentano dinamicamente e personalmente la pratica Mindfulness, per apprendere gradualmente a servirsi della forza e della capacità risolutiva e di cambiamento che già possiedono.

Durante gli incontri è previsto:

  • L’apprendimento di tecniche di meditazione di consapevolezza quali: la Meditazione Seduta, il BodyScan, il MindfulYoga, la Meditazione Camminata e la pratica non strutturata per portare consapevolezza in ogni momento della nostra vita quotidiana
  • La possibilità di condividere le esperienze ed i vissuti sperimentati durante il protocollo in gruppo
  • La trasmissione di conoscenze teoriche sullo stress e temi ad esso correlati
  • La distribuzione di un manuale dedicato in cui verranno presentati di esercizi da svolgere a casa e che permetterà di approfondire le pratiche insegnate e gli argomenti trattati
  • La trasmissione di tutorial per essere assistiti a praticare da remoto

Per una proficua partecipazione si suggerisce di indossare abbigliamento comodo, che non costringa l’addome, per favorire la respirazione diaframmatica. Nello studio ci si potrà cambiare se necessario.

Nella sala dove si svolgerà il corso non si indosseranno le calzature, pertanto potrebbe essere utile portare con sé dei calzini antiscivolo.

Durante gli incontri sarà necessario tenere i dispositivi elettronici mobili disattivati.

Per iscriversi o avere ulteriori informazioni comunicarlo attraverso e-mail, all’account posta@robertotorresi.it, o messaggio WhattsApp al numero 3356526675.